Non sto più nella pelle!

Campagna di sensibilizzazione contro l'abusivismo nel campo dell'estetica e acconciatura lanciata da CNA Cremona

Cremona – Quante volte ci è successo di chiede ad una amica, alla mamma del compagno scuola o alla collega: ma tu da che estetista vai, oppure chi ti fa i capelli? E sentirti rispondere… “Me li ha fatti una mia amica in casa… oppure, c’è quella ragazza che ti fa tutto a tot euro ed è bravissima!”.

La bellezza ed il benessere sono sempre più dei beni ai quali nessuno vorrebbe mai rinunciare, così talvolta pur di accedere a momenti di relax e bellezza siamo disposte a chiudere un occhio e, per risparmiare qualcosina, ci rivolgiamo a persone che lavorano a domicilio, spesso non in regola con strumentazioni o diplomi.

Si, perchè per fare bene l’estetista o la parrucchiera bisogna aver fatto dei percorsi ad hoc, e per aprire un negozio è necessario rispettare norme igieniche molto rigide ma che ci consentono di fruire di un servizio in totale sicurezza.

CNA Cremona lancia così una campagna di sensibilizzazione contro l’abusivismo nel campo dell’estetica, sottolineando come non sia accettabile, oltre che pericoloso, che persone senza titoli e qualifiche offra servizi legati al benessere della persona, senza il rispetto di alcuna norma, con rischi gravi per la salute.

Per contrastare questo fenomeno che, oltretutto, genera un’insostenibile concorrenza sleale nei confronti delle imprese regolari, la CNA ha avviato da tempo numerose iniziative: indagini conoscitive, campagne rivolte ad informare sui rischi che si annidano dietro i servizi offerti abusivamente, ha firmato protocolli d’intesa con Sindaci, Prefetti, Comandi dei Carabinieri, Guardia di Finanza ed Enti di vigilanza e si è fatta portatrice di denunce di attività abusive.
Non sono mancati i risultati ma non basta.

L’abusivismo è purtroppo in costante crescita e la preoccupazione è per le imprese e soprattutto per la salute delle persone.

Per questo motivo CNA ha deciso di avviare una campagna nazionale di sensibilizzazione sui danni provocati da operatori abusivi, accompagnata da una petizione rivolta alle istituzioni al fine di ottenere maggiore attenzione su questo grave fenomeno.

Per questo la CNA porta in tutti i negozi, i saloni di acconciatura e di estetica associati, il manifesto che intende sensibilizzare l’opinione pubblica e far riflettere sul reale senso di bellezza e benessere: un valore importantissimo ma da ricercare in posti sicuri e tra mani fidate!

 

Laura Simoncelli
Dopo il diploma di liceo scientifico, si laurea all’Univeristà Cattolica di Brescia nel 2004 in Lettere e Filosofia. Collabora con Fondazione Civiltà Bresciana e Bresciaoggi con stesura di articoli sportivi, cronaca e tempo libero. Dal 2004 fa parte della redazione di popolis. E’ docente di italiano e storia presso le scuole medie e superiori