Rinnovo permessi, al via la campagna di comunicazione

Palazzo Cittanova, Cremona

Cremona- “La nuova sosta in centro”, le novità dal 1° marzo 2016 per chi abita o lavora in centro o per chi lo frequenta. Questo lo slogan della campagna informativa, partita oggi e che proseguirà nei prossimi giorni, per la sostituzione dei permessi di sosta con quelli nuovi smart che renderanno più facile il controllo e favoriranno lo scambio di informazioni e la comunicazione tra gli uffici competenti e l’utenza. Un campagna studiata per fornire tutte le notizie utili ai cittadini attraverso ogni canale disponibile. Il materiale informativo sarà in distribuzione anche ai varchi elettronici. In particolare sono state definite le modalità per facilitare le operazione allo sportello ed evitare inutile attese.

Dal 1° settembre 2015 la vecchia suddivisione del centro in aree riservate ai residenti è stata rivista e semplificata. Ora esistono solo le aree A, B e C. Chi ha ancora il permesso definitivo con l’indicazione della vecchia area deve sostituirlo in base al seguente scadenziario: i residenti in zona A e B dal 22 marzo 2016 al 31 maggio2016, i residenti in zona C dal 21 marzo 2016 al 31 maggio 2016, le categorie economiche dal 21 marzo 2016 al 31 maggio 2016. Chi dispone invece di un permesso provvisorio deve rispettare la data di scadenza indicata sul contrassegno.

Come previsto dal nuovo Piano della sosta, chi abita e non ha un box o un posto auto/autorimessa privati, può richiedere il permesso per sostare gratis nelle aree riservate ai residenti (gialle). In particolare chi risiede in zona A potrà sostare gratis nelle aree gialle delle zone A, B e C, chi risiede in zona B potrà sostare gratis nelle aree gialle delle zone B e C e chi risiede in zona C potrà sostare gratis nelle aree gialle delle zona C.

Inoltre, dal 1° marzo i residenti potranno sostare con tariffa agevolata negli stalli blu gestiti da AEM (esclusi quelli ad alta rotazione). Le tariffe sono di 0,50 € all’ora, 30 € al mese e 300 € all’anno. Gli abbonamenti sono disponibili presso le abituali rivendite AEM. Chi chiede per la prima volta il permesso o lo deve rinnovare perché in scadenza, dovrà pagare, come gli anni scorsi, le marche da bollo ministeriali e i diritti di segreteria.

Se il vecchio permesso definitivo è ancora valido e deve essere solo “convertito” secondo le nuove modalità (permesso a colori, con ologramma, con QR Code, con classe automobilistica) e non dovrà essere pagata nuovamente la marca da bollo ministeriale, la sua scadenza terminerà con la durata naturale del permesso. Ogni nucleo familiare, in base ai componenti e alle auto possedute, può ottenere al massimo 1 solo permesso con indicate due targhe. Il permesso dura ancora 4 anni e poi dovrà essere rinnovato.

Sono infine ulteriori sconti e agevolazioni per nuclei familiari con un ISEE (Indicatore situazione economica equivalente) inferiore o pari a 12.000 € (abbonamento a tariffa agevolata a 21 € al mese) e per chi ha un auto a basso impatto ambientale (metano, gpl, elettrici, ibridi) un abbonamento mensile a 24 € al mese (anziché 30 €).

Barbara Ponzoni
Barbara Ponzoni, laureata in lettere moderne. Scrive da sempre, per lavoro e per diletto. Attualmente è nella redazione di Popolis.it, Popolis rivista e VivereCremona.it.

NESSUN COMMENTO

Lascia il tuo commento


1 + = dieci