Fausto Desalu, un casalasco alle Olimpiadi di Rio

Casalmaggiore (Cremona). Sono pomeriggi e nottate intense di sport quelle vissute da chi ha avuto e ha il tempo e il desiderio di seguire le molteplici discipline dei XXXI Giochi Olimpici.

Oggi focalizziamo l’attenzione su una disciplina in particolare: l’atletica leggera.

Perché ci concentriamo proprio sull’atletica? Perché martedì 16 agosto alle ore 11.50, ora italiana, l’atleta FAUSTO DESALU sarà lì, in pista, per vivere il suo momento di verità, la sua prima Olimpiade! 

Fausto Desalu nasce a Casalmaggiore nel 1994, promettente atleta italiano, specializzato in velocità, fa parte dell’ASD ATLETICA INTERFLUMINA. I tempi di Fausto, di origine nigeriana, vengono considerati italiani a partire dal 17 maggio 2011 e può far parte della nazionale dal 2 maggio 2012. Nel 2012 partecipa ai Mondiali juniores a Barcellona nei 200 m. L’anno successivo si piazza 5º nella gara nei 200 m piani e vince il bronzo nella staffetta 4×100 metri ai Campionati europei juniores di Rieti.

Il 15 giugno 2014 ottiene la medaglia d’argento ai Giochi del Mediterraneo under 23. Il 14 agosto realizza il primato personale sui 200 m piani in occasione dei campionati europei a Zurigo. Il 7 settembre dello stesso anno corre i 300 m durante il Meeting di Rieti, terza migliore prestazione italiana di sempre.

Nel maggio 2015 partecipa alla seconda edizione dei campionati mondiali di staffette a Nassau, ma da li in avanti sarà fermato da una pubalgia che gli comprometterà l’intera stagione. Il 7 ottobre vince la sua batteria, realizzando il terzo tempo complessivo. Il giorno seguente vince la finale. Nel giugno 2016 vince il titolo nazionale assoluto sui 200 metri, facendolo il terzo specialista italiano di ogni tempo dietro Pietro Mennea e Andrew Howe.

fc desalu

In contesto olimpionico, in pochi attimi si porta a compimento l’impegno di un intenso quadriennio di vita che, di norma, ha rappresentato per l’atleta l’assoluto, il tutto, l’esclusivo… la ricerca della perfezione.

Fausto terrà il pubblico con il fiato sospeso per poco più di 20″, un tempo irrisorio, che apparirà però lunghissimo, infinito, quasi un’eternità. Un ringraziamento va a chi vorrà unirsi e tifare per questa giovane promessa dell’atletica italiana.

Roberta Mobini
Nata e cresciuta a Leno. Entro a far parte di Popolis dal primo agosto 2016. Studio Scienze matematiche all'Università Cattolica di Brescia. Estremamente curiosa, le mie passioni sono la lettura, l'attività fisica e soprattutto gli animali.